cliccare sulla foto per il panorama a 360 °


Itinerario: parcheggio strada provinciale Passo Nigra (quota 1349 m) - Malga Plafötsch - rientro al parcheggio lungo il sentiero n. 7



Comune Tires al Catinaccio
Dislivello 221 m ca.
Lunghezza 3,60 km ca.
Tempo di percorrenza 1 - 1h 15' andata lungo la strada forestale più 30 min. ritorno lungo il sentiero n. 7
Appoggio Malga Plafötsch, Tel. 347-4627329
www.plafoetsch.com
Particolarità Splendido panorama su Catinaccio e Latemar

Galleria fotografica

Guida naturalistico-culturale da stampare e portare con sè

Percorso: superato il paese di Tires e la frazione di San Cipriano si prosegue per qualche km e dopo circa 10 minuti in auto e un paio di tornanti, si trova sulla destra un parcheggio sterrato. Qui può venir lasciata l’auto. Sul lato opposto troviamo una strada forestale, da qui inizia il nostro percorso. Subito un cartello ci indica che stiamo entrando nel territorio protetto del Parco Naturale Sciliar-Catinaccio. Proseguiamo per la strada sterrata, che mostra una pendenza lieve e costante. Dopo circa 15 minuti di cammino ci troviamo davanti ad un bivio, per il momento ci possiamo tenere sulla destra, lungo l’altra strada torneremo al rientro. A circa metà percorso tra il parcheggio e la Malga Plafötsch una splendida vista sul Catinaccio si apre davanti a noi. Poco prima di raggiungere la malga il bosco si fa meno fitto ed i larici prendono il posto degli abeti rossi, giungiamo così a destinazione. Dopo una sosta prendiamo la via del ritorno, che può avvenire lungo il percorso di salita oppure lungo il sentiero nr. 7 che sende sul lato opposto. Il primo tratto è piuttosto ripido ed alcune pietre che servono per lo scolo dell’acqua intralciano il percorso, ma si tratta solamente di pochi metri. Successivamente il sentiero si fa più agevole. Incontriamo un incrocio e ci teniamo sulla sinistra, seguendo il sentiero nr. 7 e l’indicazione “Nigerstrasse”, che dopo alcune curve ci portano all’incrocio con la strada di salita e quindi al parcheggio.


Il tratto più ripido e stretto
subito dopo la malga
Superata la curva, il sentiero
torna ad essere comodo








profilo altimetrico

Fondo: dal parcheggio alla malga si percorre esclusivamente strada forestale, con il tipico fondo costituito da ghiaia battuta più o meno fine. Le condizioni della strada sono buone ed il fondo è abbastanza compatto ed omogeneo. Anche il rientro avviene quasi esclusivamente su strada forestale, se si decide di rientrare percorrendo il sentero nr. 7 bisogna solamente considerare il primo tratto dopo la malga piuttosto stretto, pendente e con pietre sporgenti, atte allo scolo dell’acqua. In ogni modo, questo tratto meno agevole si supera in pochi minuti.

Larghezza sentiero: la strada forestale mostra la larghezza tipica, approssimativamente di 2,5-3 m, mentre il tratto immediatamente successivo alla malga si limita ad un metro di larghezza circa.

Pendenze: alcuni brevi tratti raggiungono perfino il 40% di pendenza sui tornanti, ma si tratta solamente di pochissimi metri. Altri tratti sono invece praticamente pianeggianti. In ogni modo l'itinerario mostra una pendenza media del 16,5 %.


Fondo strada forestale

Carta consigliata:
Parco Naturale dello Sciliar
Carta turistica 1:25.000
Tabacco (UD)

Punto d’appoggio:
Malga Plafötsch
Fam. Herbst
Domicilio a valle:
via Kammerland 4
39050 Nova Ponente - BZ
Tel. 347-4627329
www.plafoetsch.com
Indirizzo e-mail protetto dal bots spam , deve abilitare Javascript per vederlo
Apertura: da inizio maggio a fine ottobre
Cucina tirolese aperta l’intera giornata
   
Storia: la malga sorge in splendida posizione, a monte del paese di Tires e ai piedi del regno incantato del Catinaccio. Da qui la vista spazia dalle Torri del Vajolet al Latemar, fino alla solitaria Punta Sola. Tutt’attorno prati, boschi ed i tradizionali prati alberati a larice, che lasciando passare la luce consentono un buono sfruttamento del terreno a pascolo. L’edificio venne costruito nel 1966 dal padre e dal nonno Robatscher dell’attuale gestrice, signora Rosa Thurner. Il terreno tutt’attorno e la baita che sorge accanto alla malga sono infatti già dall’anno 1939 di proprietà della famiglia di Tires. Solamente da qualche anno, ovvero dal 1990, l’edificio è allacciato alla rete elettrica, fino ad allora ci si serviva esclusivamente di candele e di lampade a gas o a petrolio.

Oggi la Malga Plafötsch è un’amata meta per escursionisti ed anche azienda agrituristica, con 5 camere doppie ed una camera a più letti. Molti prodotti propri, nati dalle esperte mani della signora Rosa, si possono gustare alla malga, come gli sciroppi di fiori di sambuco, di lamponi e di menta, le marmellate e i dolci tipici.
   
Info: Indirizzo e-mail protetto dal bots spam , deve abilitare Javascript per vederlo